Come funziona il motore di una bici pieghevole?

Quasi sempre, una bigi pieghevole ha il pregio di essere elettrica. Ciò significa che è anche dotata di motore interno, il quale rappresenta il suo cuore. Ma come funziona? Vediamolo insieme!

Motore e non solo

Per poter essere classifica come bici elettrica e non ciclomotore, la tua bici pieghevole deve avere un motore dalla potenza massima di 250 W. vi sono modelli dalla potenza addirittura inferiore, ma sono molto rari.

Nel caso di una bici pieghevole elettrica, la potenza è associata al voltaggio della batteria, che deve quindi essere di 24 V o 26 V massimi. Ricorda inoltre che, una volta raggiunti i 25 km/h, il motore si arresterà’ automaticamente. Ciò non significa che non potrai continuare a muoverti, ma che non potrai superare quella velocità.

Il movimento da quel momento in poi sarà quindi dato dalla sola forza delle tue gambe. La tua bici pieghevole continuerà a funzionar in questo modo finche’ la velocità’ media non sarà tornato sotto il limite massimo di 25 km/h.

Se la tua bici pieghevole è in grado di superare questo limite, allora rientra nella classificazione legale di ciclomotore. In questo caso, dovrai controllare quali regole diverse seguire in base al regolamento del tuo comune o città di residenza.

Come succede già per altri dispositivi, un motore meno potente si traduce anche in una bici pieghevole più leggera. Questa caratteristica è molto utile, soprattutto se devi trasportare la bici con te su scale o mezzi di trasporto.

Si tratta quindi di un ottimo compromesso per avere agilità, praticità ma anche velocità a tua disposizione ogni volta che ne avrai bisogno! Ricorda che il peso medio della tua bici pieghevole è sempre indicato sulla confezione, nella scheda tecnica.

Affinché la tua bici pieghevole venga riconosciuta anche come bici elettrica, il motore deve incontrare diversi criteri. È quindi importante saper riconoscer il tipo di motore montato dalla tua nuova bici pieghevole.

Leggi anche: A cosa serve un cuscino per allattamento?